Ayrton Senna

La testimonianza di Ayrton Senna
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La vera corsa della vita.

Ayrton Senna, fu un grande campione di Formula1.
Aveva vinto tutto, ma il suo principale sostegno, come lui stesso raccontava, lo trovava nella Parola di Dio, la Bibbia.

Ho sempre avuto un contatto speciale con Dio; Lui mi ha sempre dato molto.
È stato a Montecarlo, che ho avuto la prima esperienza diretta con Dio; è stata una cosa molto importante.

A partire da quel primo contatto io sono riuscito a comprendere tutta una serie di cose e di fatti che mi erano accaduti precedentemente, i cui contorni mi erano sfuggiti.

È tutto molto soggettivo, nel campo della Fede, e può anche essere discutibile.

Posso dire di aver sempre ottenuto tutto ciò che ho chiesto; ho sempre avuto salute e un’incredibile armonia nella mia famiglia; ho sempre avuto la felicità come caratteristica costante della mia vita.

Ho fatto e faccio ciò che mi piace, sia come hobby e come professione; ho sempre partecipato ad un’attività, l’automobilismo, il cui pericolo costante ha influito sul lato aggressivo della mia personalità.

Ho passato praticamente tutta la vita, a partire dai 4 anni d’età, in questa condizione di rischio ed ho sofferto molti incidenti.

Ho corso in kart ed in automobile, ho cappottato, sono passato sopra la testa di altre macchine ed altri corridori; altre macchine sono volate sopra la mia testa.

Ho battuto contro muri e pareti e non mi sono mai rotto né un osso né una costola; il massimo che ho dovuto accusare è stata la frattura di un dito.
Tutto questo è stata una benedizione di Dio.

Sto qui, oggi, con il successo che mi circonda e con le migliori prospettive davanti a me.
Altre persone hanno cercato di distruggermi, ma non hanno conseguito il loro risultato.

Per me oggi Dio rappresenta tutto; rappresenta la risposta a tutte le mie tristezze e tutte le mie allegrie, so che tutto è nelle sue mani, so che tutto sarà risolto a suo tempo; ne sono certo.

Ora ho la lucidità per capire tante cose che prima non riuscivo a capire, perché non avevo incontrato la Parola di Dio e le sue risposte ai miei dubbi.

Oggi posseggo i principi di questa conoscenza, di questa certezza, solo Dio può darti forza per andare avanti.

Pochi giorni fa ho letto, nelle Sacre Scritture, una frase che mi ha colpito, una frase semplice e completa.

I Discepoli erano preoccupati dell’impossibilità degli uomini di salvarsi da sé, Gesù li tranquillizzò dicendo: “Agli uomini è impossibile, ma non a Dio, perché ogni cosa è possibile a Lui” (Marco 10:27).

Dunque non esiste per Dio nulla di impossibile; è sufficiente che le persone che hanno approdato alla fede si pongano nella condizione di conseguire ciò che altri pensano sia impossibile.

Questo rappresenta per me, per il mondo, la pace, una pace che nessun altro ti può dare.
È impegnativo assimilare ciò che dice la Bibbia e tutte le altre cose che ti possono derivare dalla fede.
Io leggo la Bibbia continuamente, è questo il mio principale sostegno.

La corsa della Formula Uno può essere una simbologia della “corsa della vita” di ognuno, e se tutto finirebbe in un buco sotto due metri di terra, come sostengono alcuni, sarebbe una corsa perduta; ma se tutto finisce in Paradiso, come Gesù ha promesso a tutti i credenti, allora è una corsa vinta.

Come Senna, un altro campione della fede alla fine della sua corsa terrena ha potuto dire: “…il tempo della mia partenza è giunto: ho combattuto il buon combattimento, ho finito la corsa, ho conservato la fede, ormai mi è riservata la corona di giustizia che il Signore, il giusto giudice, mi assegnerà in quel giorno; e non solo a me, ma anche a tutti quelli che avranno amato la sua (di Gesù) apparizione” (2 Timoteo 4:6-8).


Leggi altre testimonianze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.