Cliff Richard

Testimonianza di Cliff Richard
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il famoso cantante pop inglese.

Cliff Richard è stata una grande stella della musica per 40 anni, e da quando ha incontrato Gesù, ha dedicato il suo talento al servizio del suo Salvatore, servendosi della sua posizione nel mondo della musica.

Pensare alla religione, per me voleva dire, porsi delle domande difficili alle quali non volevo rispondere.
Alcuni della mia famiglia erano Testimoni di Geova, cosa che io non potevo accettare; poi un seguace di Gesù Cristo mi persuase a leggere la Bibbia e a frequentare le sue riunioni.

All’epoca avevo circa 21 anni ed ero già pienamente coinvolto nel mondo dello spettacolo.

Incontrare quei cristiani tradizionali fu per me qualcosa di nuovo; fu la prima volta che sentii parlare di Gesù in una maniera personale.

Loro mi dissero che se avessi voluto fare una esperienza cristiana avrei dovuto affidare me stesso a Gesù; non mi diedero una lista di cose da fare o da non fare, ma mi suggerirono di leggere Apocalisse 3:20, dove sta scritto: “Ecco, io sto alla porta e busso: se uno ode la mia voce ed apre la porta, io entrerò da lui e cenerò con lui ed egli con me“.

Quel versetto catturò appieno la mia attenzione: quando inviti qualcuno nella tua casa può essere l’inizio di una relazione.

Quella notte, mentre stavo sdraiato sul letto dissi: “Va bene! Io credo in te. So che tu sei qui, ma io non so bene cosa fare e non sono bravo a pregare“.

Non sapendo cos’altro fare, dissi semplicemente: “Gesù, vorrei che tu entrassi nella mia vita!“.

Guardando indietro, credo che fu proprio in quel momento che Gesù entrò nella mia vita, perché le cose incominciarono a cambiare, anche se lentamente all’inizio.

Ripenso a quei primi giorni da cristiano in cui scoprivo delle differenze di vedute tra le mie personali e quelle della Parola di Dio, e questo ha significato molto per me.

I nuovi amici che incontrai, anch’essi credenti, erano coinvolti in opere cristiane, come insegnanti di religione nelle scuole, collaboratori di organizzazioni di volontariato, missionari ed altro.

Così pensai di abbandonare il mio lavoro nel mondo dello spettacolo, credendo che avrei fatta cosa gradita a Dio.
Ma mi sono dovuto ricredere, perché, dal momento che avevo dichiarato in pubblico la mia appartenenza a Gesù, incominciarono ad arrivare offerte per fare dei programmi religiosi in televisione, inviti ad organizzare concerti Gospel ed altro.

Ricevetti anche la proposta di presentare un programma radiofonico musicale la domenica mattina, che aveva a che fare con la religione.

Infine l’evangelista Billy Graham mi propose di girare un film cristiano che aveva per titolo: “Two a penny“.

Tutto questo mi fece pensare: “Ehi, aspetta un momento! Perché dovrei lasciare il mio lavoro, quando potrei usarlo come parte del mio servizio cristiano?
Io posso usare la mia carriera per promuovere la mia Fede“.

Vedevo in questo un dono proveniente da Dio, un’opportunità alla quale avrei dovuto approfittare.

Cosi decisi di restare sul palco, cercando di rimanere fedele, con il proposito di fare della mia carriera una missione in cui ho la possibilità di condividere con il pubblico la mia fede in Cristo.


Leggi altre testimonianze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.