È Dio così crudele da desiderare che delle anime soffrono per l’eternità?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il fatto che Dio condannerà delle anime a soffrire per l’eternità nello Stagno di fuoco e di zolfo (Apocalisse 20:15) è una dimostrazione della Giustizia di Dio, che va di pari passo con il Suo Amore.
Giustizia ed amore sono raffigurate come le due braccia di Dio.
Infatti se non ci sarà condanna non ci può essere Salvezza ; che bisogno ha l’uomo di Salvezza se non ci sarà una condanna da cui scampare?
E se non vi era bisogno della Salvezza, perché allora è venuto nel mondo, sofferto e morto sulla Croce il Figlio di Dio?

La morte di Gesù in Croce testimonia dell’amore di Dio e la Risurrezione di Gesù testimonia la giustizia di Dio, il quale ha costituito come giudice proprio suo Figlio.
Solo Gesù è in grado di giudicare rettamente, perché oltre ad essere Figlio di Dio è anche il Salvatore degli uomini.
Dio ha già manifestato la sua bontà ed il suo amore verso tutti gli uomini, perché ha programmato e permesso la morte del suo unico Figlio, per dare la possibilità a tutti gli uomini di ricevere la Salvezza.
L’uomo sceglie da se stesso il proprio destino eterno: accettando o rifiutando la Salvezza.
Alla fine, Dio permette all’uomo di andare dove lui stesso vuole andare: in Cielo per i salvati e alla Morte seconda (lo Stagno di fuoco e di zolfo o Inferno) per i non-credenti.

Se Dio togliesse il Giudizio finale verrebbe meno nella Sua giustizia, e così verrebbe meno anche nel Suo amore.
Due attributi fondamentali della personalità di Dio sono: Lui è Amore; Lui è Giusto.
La condanna degli empi, quindi, oltre a dimostrare la giustizia di Dio, conferma e rafforza l’amore di Dio.
La giustizia di Dio si manifesterà con la stessa intensità con cui si è manifestato l’amore che Dio ha avuto per l’uomo.
Alla fine l’amore di Dio si concretizzerà col la giusta ricompensa per coloro che lo hanno amato ed hanno posto in Lui la loro fiducia con obbedienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.