Era la terra già popolata quando Adamo ed Eva furono cacciati fuori dall’Eden?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Dopo che Caino uccise Abele ha preso moglie e migrò in altra contrada (ovviamente popolata).
Da dove venivano le altre persone, dato che nella Bibbia sono menzionate soltanto la prima coppia con i loro 2 figli?
Ci sono diversi punti che ci illuminano riguardo queste domande che molti fanno per deridere e mettere in dubbio la veridicità della Parola di Dio; esaminandoli attentamente vediamo tutto più chiaro.

1) La Bibbia non dice che Adamo ed Eva ebbero il terzo figlio dopo la morte di Abele, ma che dopo il fatto del fraticidio hanno avuto un figlio che Eva l’ha preso come sostituto di Abele (Genesi 4:25).

2) In quel periodo Dio permetteva (era ovvio) il matrimonio, e quindi l’accoppiamento, tra fratelli, sorelle, zii e nipoti, per fare in modo che la terra si popolasse, secondo la Sua volontà.

3) Dio ha creato Adamo ed Eva a Sua immagine e somiglianza e gli ha comandato di essere fruttiferi e di moltiplicarsi.
E così fecero: Adamo ed Eva hanno avuto molti figli e molte figlie.

Se facciamo un calcolo, anche approssimativo, di matematica in base all’età che Adamo aveva quando è nato Seth ed al numero dei figli, dei nipoti e dei pronipoti che poteva avere a 130 anni (quando è avvenuto il fraticidio), giungiamo tranquillamente a centinaia di migliaia di persone, perché mentre i figli si accoppiavano ed avevano figli, anche loro continuavano ad avere figli.
E mentre i nipoti di Adamo ed Eva si accoppiavano ed avevano a loro volta figli, anche i figli di Adamo ed Eva continuavano ad avere figli, e così via, per non parlare della Poligamia, che in quel periodo era praticata (Genesi 4:19).

4) Ammesso anche che Caino ed Abele furono i primi figli di Adamo ed Eva, questi hanno continuato ad avere altri figli e figlie mentre i primi crescevano.
Così se Caino, al momento dell’omicidio avesse avuto trent’anni poteva benissimo avere come moglie sua sorella di 25 o di 20 anni.
Comunque la Bibbia non dice che Caino fosse il primo figlio di Adamo, anzi possiamo pensare il contrario, perché nella genealogia di Adamo risulta Seth come diretto discendente che prende il posto di Abele, il quale è nato dopo Caino.

5) Il versetto di Genesi 4:17 ci dice che Caino “conobbe” sua moglie e non dice che Caino si sposò (nel linguaggio biblico “conoscere” significa avere rapporto sessuale in una coppia sposata ed in relazione alla conseguente nascita dei figli).
Quindi possiamo dedurre che quando successe il fatto dell’omicidio, Caino aveva già una moglie, che ovviamente poteva essere o sua sorella, o sua nipote.

In conclusione, la storia di Abele e Caino non è stata scritta per trasmetterci la cronologia dei primi abitanti della terra fuori il giardino dell’Eden, ma per farci capire una delle conseguenze del peccato dell’uomo.
Non possiamo basarci su questo episodio per poter capire come e quando sono nati i figli di Adamo ed Eva.
Non possiamo neanche prendere il passo dell’omicidio di Abele per affermare che Caino ed Abele sono stati i primi figli della prima coppia.

Ma se leggiamo il passo alla luce di quello che è avvenuto prima, e lo leggiamo così com’è, deduciamo tranquillamente che il quel periodo sulla terra vicina ed anche lontana c’erano molte persone.
Questa constatazione ci può scandalizzare soltanto se leggiamo il fatto dell’omicidio di Abele come un riferimento cronologico per la discendenza di Adamo e pensiamo che, nel periodo a cui si riferisce il passo del capitolo 4 della Genesi, i figli di Adamo erano soltanto quelli di cui è menzionato il nome, cioè Caino, Abele e Seth.
Quindi, facendo anche un po di calcoli matematici, vediamo che la Parola di Dio è molto più semplice di quello che gli increduli ci vogliono far credere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.