Il Ravvedimento

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il Ravvedimento è quella decisione di cuore e di mente che porta a quelle azioni e impegni di adattamento alla volontà di Dio.

Ravvedersi significa cambiare il modo di pensare sul peccato, su se stessi, su Dio e su Cristo, e comporta un cambiamento di scelta e di vita.

Il Ravvedimento non tocca soltanto la ragione, ma anche la coscienza: è l’ammissione, da parte della persona, di essere lontana da Dio, perduta e incapace di uscire da sola dalla situazione di condanna, senza speranza, e di aver bisogno della grazia di Dio.

Il Ravvedimento è un’inversione totale e significa mettersi dalla parte di Dio, dargli ragione e condannare se stessi.

Il Ravvedimento comprende anche il pentimento, cioè il dolore per aver peccato, ma è di più, perché, oltre al dispiacere di aver peccato, genera la decisione di non voler peccare più.

Il Ravvedimento è una prerogativa della conversione, senza di esso non vi può essere Salvezza, cioè se non ci si riconosce in errore (peccatori) davanti a Dio e quindi bisognosi di perdono e di Grazia non si sente la necessità di affidarsi al Salvatore (Marco 1:15).

Prima di ricevere il beneficio del Vangelo (Buona notizia per la Salvezza) bisogna riconoscersi manchevoli nei confronti di Dio (e, di conseguenza, nei confronti del prossimo); quindi si sente la necessità di voler rimediare e ci si impegna per essere più graditi a Lui, nello stesso tempo in cui si viene da Lui accettati per i meriti di Gesù Cristo (Efesini 2:4-9).

Al Ravvedimento è associato il Battesimo, detto, di Giovanni.
Dio ha mandato Giovanni il Battista per preparare le persone ad accogliere il Salvatore-Messia (Luca 1:76-77).

Questa preparazione consisteva proprio nel Ravvedimento (Luca 3-7-14), che si esternava con il rito-simbolo del Battesimo in acqua: le persone che si volevano mettersi a posto con Dio si facevano battezzare.

Le prime persone alle quali fu indirizzato il Ravvedimento-Battesimo per la Salvezza furono gli Ebrei, cioè i discendenti di Abramo che ritenevano il Patto, stipulato da Dio per mezzo di Mosè (Esodo 24:8).

Con l’avvento del Vangelo, il rito-simbolo del Battesimo di Giovanni è stato “inglobato” nel Battesimo di Gesù, per il perdono dei peccati, in quanto nella Salvezza è incluso anche il Ravvedimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.