Il ritorno di Gesù

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Dopo che Gesù Cristo risuscitò dai morti, apparve a coloro che egli aveva scelto come suoi testimoni.

Stette con loro quaranta giorni, insegnando le cose relative al Regno di Dio, dopodiché, presso Betania, mentre li stava benedicendo, è asceso in alto, scomparendo dalla loro vista e fu così accolto in Cielo, e precisamente alla destra di Dio, secondo che è scritto: “Si pose a sedere alla destra della Maestà, nei luoghi altissimi” (Ebrei 1:3).

Questo avvenne affinché si adempissero le parole di Davide: “L’Eterno ha detto al mio Signore: Siedi alla mia destra finché io abbia fatto dei tuoi nemici lo sgabello dei tuoi piedi” (Salmi 110:1).

Da dove adesso Gesù si trova, egli un giorno ritornerà.
Come avverrà il ritorno di Gesù Cristo?
Nella stesso modo in cui egli è asceso in Cielo!

E’ scritto infatti nel libro degli Atti degli Apostoli: “… E dette queste cose, mentre essi guardavano, fu elevato; e una nuvola, accogliendolo, lo tolse d’innanzi agli occhi loro.
E come essi avevano gli occhi fissi in cielo, mentre Gesù se ne andava, ecco che due uomini in vesti bianche si presentarono loro e dissero: Uomini Galilei, perché state a guardare verso il cielo?
Questo Gesù che e stato tolto da voi ed assunto in cielo, verrà nella medesima maniera che l’avete veduto andare in Cielo” (Atti 1:9-11).

Quindi, come Gesù fu visto andare in Cielo, da coloro che furono presenti alla sua ascensione, allo stesso modo, al suo ritorno, sarà visto tornare dal Cielo.

Questa volta, pero, non sarà visto solo da un piccolo numero di persone, come alla sua Ascensione, ma da tutti, secondo che è scritto: “Ecco, egli viene colle nuvole; ed ogni occhio lo vedrà; lo vedranno anche quelli che lo trafissero, e tutte le tribù della terra faranno cordoglio per lui. Si, Amen” (Apocalisse 1:7).
Gesù verrà sulle nuvole, con gloria e con potenza.

A riguardo del ritorno di Cristo è scritto anche: “Allora apparirà nel cielo il segno del Figlio dell’uomo e tutte le tribù della terra faranno cordoglio, e vedranno il Figlio dell’uomo venir sulle nuvole del cielo con gran potenza e gloria” (Matteo 24:30).

Il profeta Daniele, centinaia di anni prima, aveva detto: “Io guardavo, nelle visioni notturne, ed ecco venire sulle nuvole del cielo uno simile a un figlio d’uomo; egli giunse fino al Vegliardo, e fu fatto accostare a lui.
E gli furono dati dominio, gloria e regno, perché tutti i popoli, tutte le nazioni e lingue lo servissero; il suo dominio è un dominio eterno che non passerà, e il suo regno, un regno che non sarà distrutto” (Daniele 7:13-14).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.