Possono i figli di Dio soffrire e avere malattie?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nella vita del credente vi sono dei momenti di sconforto, di scoraggiamento; momenti bui e pericolosi e momenti di disperazione.
Anche il Signore alla Croce ha sperimentato uno di questi momenti, sicuramente il più angoscioso, quando ha detto: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?” (Matteo 27:46).
Non possiamo credere che, siccome siamo figli di Dio, saremo al riparo dalle sofferenze che si trovano in questo mondo o che saremo risparmiati e protetti dalla perdita dei nostri cari, dalle malattie e dalle sofferenze.

La promessa del Signore è valida principalmente per i figli di Dio: “E Dio asciugherà ogni lacrima dai loro occhi, e non ci sarà più la morte, né cordoglio né grido né fatica, perché le cose di prima sono passate” (Apocalisse 21:4).
Le malattie e le momentanee sofferenze possono essere per scopo di disciplina: siccome siamo figli di Dio, Egli come un buon Padre ci disciplina per correzione e per prevenzione.
Anche all’Apostolo Paolo Dio ha permesso di avere la “spina nella carne” a scopo preventivo, dopo aver avuto le celesti visioni che lo avrebbero potuto portare all’orgoglio (2 Corinzi 12:8-9).

La Bibbia ci dice che anche i credenti devono essere pronti ad essere messi alla prova, sottoposti a dei test: “Carissimi, non vi stupite per “l’incendio” che divampa in mezzo a voi per provarvi, come se vi accadesse qualcosa di strano” (1 Pietro 4:12); e ancora: “Figlio mio, non disprezzare la disciplina del Signore, e non ti perdere d’animo quando sei da Lui ripreso, perché Lui corregge quelli che ama e punisce quelli che riconosce come figli.
Sopportate queste cose per la vostra correzione: Dio vi tratta come figli; infatti, qual’è il figlio che il padre non corregga?
Ma se siete esclusi da quella correzione di cui tutti hanno avuto la loro parte, allora siete bastardi e non figli” (Ebrei 12:5-8).

E’ importante comprendere che queste cose sono per disciplina e non per punizione, per questo, Dio ha punito il Suo Unigenito Figlio Gesù Cristo, quando questi si è caricato delle nostre colpe alla Croce, per cui ora “…non c’è nessuna condanna per quelli che sono in Cristo Gesù…” (Romani 8:1).
La disciplina e le prove servono per rendere i figli di Dio sempre più conformi all’immagine perfetta del Figlio di Dio Gesù Cristo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.