Quali sono le origini dell’Islam?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Circa 500 milioni di persone, quasi un settimo della popolazione mondiale, sono oggi Musulmani.
Questa religione fu fondata da Maometto che, secondo i Musulmani, è stato il più grande di tutti i profeti (dell’Antico Testamento).
Maometto nacque a La Mecca nel 570 d.C. e trascorse i suoi primi anni in modo abbastanza tranquillo, come capo carovaniere (di cammelli) e gestore dei beni della moglie.

Tuttavia, una sera, in una caverna del monte Hira, dove spesso si recava a meditare, si dice che avesse udito una forte voce che gli intimava di leggere.
Avendo replicato di non saper leggere, egli udì di nuovo la voce che gli impartiva quell’ordine.
Gli venne quindi mostrata una pergamena, sulla quale le parole erano illuminate dal fuoco.
Sebbene in precedenza non avesse mai letto una sola parola, miracolosamente Maometto riuscì a leggere la pergamena.
Temendo di essere diventato pazzo, stava per lasciare la caverna quando riascoltò la voce, alzò gli occhi e vide in sembianze umane un angelo, che gli disse: “Maometto! Tu sei il messaggero di Allah ed io sono Gabriele“.

Tuttavia, ciò non lo convinse, e solo in seguito, quando ricevette un’altra “chiamata”, finalmente ubbidì.
In quel tempo, Allah rientrava nel pantheon degli dei venerati nella penisola arabica, avendo una certa preminenza.
La missione di maometto, come messaggero di Allah, fu quella di proclamare ai popoli idolatri della penisola arabica l’unica devozione al dio Allah, escludendo tutti gli altri dei, considerandoli idoli. 
All’inizio la predicazione di Maometto incontrò una forte resistenza, specialmente nella sua città, da dove venne scacciato.
In seguito Maometto asserì d’aver ricevuto ulteriori rivelazioni da parte di Allah che lo proclamavano successore dei profeti, quali Noè, Abramo, Mosè e Gesù incluso.

Maometto si considerò come ultimo messaggero che Allah avrebbe mandato nel mondo, proclamandosi così suo profeta in assoluto.
Nell’anno 622 un gruppo di centocinquanta fedeli musulmani lasciò segretamente La Mecca e si diresse nella città di Yathrib, che divenne il loro primo centro religioso.
Maometto li raggiunse più tardi durante lo stesso anno, precisamente il 20 settembre, data che segna l’inizio del calendario musulmano.
La città venne in seguito chiamata Medina, cioè Città del Profeta, in onore degli otto anni che Maometto vi trascorse.
Da lì incominciò l’attività belligerante dei Musulmani, prima punitiva, verso coloro che inizialmente avevano rifiutato il messaggio di Maometto, e poi espansionista, incominciando dalla penisola arabica e verso tutto il medio oriente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.