Conoscere Dio

Conoscere Dio

Chi è Gesù Cristo


Per essere salvati


Gesù davanti a Pilato


Anche oggi, molti tendono a "dividere" la figura (persona) di Gesù per accettare quella parte che è più consona al loro credo e al loro modo di vedere le cose di Dio, secondo il loro ragionamento e la loro valutazione.
Per esempio, ci sono quelli che credono che Gesù sia stato soltanto un buon in segnante di religione e di etica morale.
Però, credere che Gesù sia stato solo un buon insegnante, rifiutando le affermazioni di Gesù di essere Dio, come Figlio, è un grande errore.
In questo modo, Gesù, dovrebbe essere o molto più di un buon insegnante (cioè Dio), o molto meno di un maestro (cioè un bugiardo o un presuntuoso ingannato).

Pensiamo alle centinaia di migliaia di persone che sono morte (e che muoiono tutt'ora) come martiri a motivo di ciò che Gesù ha detto di essere.
Se non fosse il Figlio eterno di Dio, quelle persone sarebbero morte per una bugia, o per un idolo.
C. S. Lewis, scrittore, professore ed intellettuale cristiano scrisse: "Un uomo che fosse soltanto uomo, che dicesse le cose che disse Gesù non sarebbe certo un grande maestro di morale, ma un pazzo, oppure il diavolo".

Dunque, anche se Gesù è quello che lui ha detto di essere, è esistito ed esiste eternamente, per le persone diventa un caso soggettivo, cioè esse sono portate a scegliere personalmente: o quest'uomo era, ed è, il Figlio di Dio, oppure era un matto, o qualcosa di peggio.
La propria scelta, però non pregiudica la persona e la figura di Gesù!
Potete rinchiuderlo come pazzo, potete sputargli addosso e ucciderlo come un delinquente; oppure potete cadere ai suoi piedi e chiamarlo Signore e Dio.

Non serve ripararsi sul fatto che lo si riconosce come un grande insegnante di etica morale per giustificare il proprio rifiuto a sottomettersi all'evidenza della Parola di Dio e alla Sua volontà: che OGNI uomo riconosca Gesù Cristo il Figlio di Dio, come Signore.
Gesù stesso ha escluso la possibilità di una definizione "neutra", e lo ha fatto di proposito.
Non ci può essere una via di mezzo: Gesù o è Dio, o non lo è; pazzo, bugiardo o Signore e Salvatore!
A noi la scelta.

Se desideri veramente conoscere la verità riguardo a Dio, non è intellettualmente saggio ignorare la vita e gli insegnamenti di colui che ha cambiato la storia, dichiarando di essere proceduto dal Padre e di essere Dio: Gesù.
È una figura troppo importante per essere messa da parte con leggerezza.
Egli è vissuto realmente, è stato l'unico ad aver fatto quelle affermazioni e ad aver vissuto la sua vita coerentemente a quello che diceva di essere.
Cristo ha suscitato rabbia, odio, o devozione, adorazione nella gente dei suoi giorni.
Scegliere una posizione intermedia riguardo a lui significa fallire totalmente nella comprensione delle sue affermazioni.

Coloro che contrastarono Gesù, capirono chiaramente la sua affermazione di divinità e cercarono di ucciderlo con l'accusa di bestemmia, perché egli dichiarava di essere uguale e uno con Dio (Giovanni 5:18; 8:58-59; 10:33; Marco 14:61-61, etc.).
Tutti i suoi discepoli, come gli apostoli Paolo, Pietro, Giovanni, etc., insegnarono chiaramente sulla divinità di Gesù (Colossesi 2:9; Filippesi 2:6-7; Romani 9:5; Giovanni 1:1-14; Ebrei 1:1-8).
Tutto questo è ancora più sbalorditivo se pensiamo che coloro che fecero queste affermazioni erano ebrei monoteisti, persone che credevano in un Dio unico (Deuteronomio 6:4); essi non parlarono di Gesù, definendolo come uno dei tanti dei, in una specie di concezione indù politeistica.
No, adorarono Gesù, in quanto incarnazione dell'Iddio Altissimo (Matteo 28:9; Giovanni 20:28; Ebrei 1:6; Apocalisse 5:8-14; Filippesi 2:6-11).

Dunque, se Gesù è Dio, allora può affermare la verità riguardo a Dio (cioè a se stesso); può spiegare come si fa ad avere un rapporto con Dio, perché lui stesso è Dio.
Gesù può dichiarare ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, perché, se è Dio, è lui che ha scritto il "libro delle regole".
Che ci piaccia o meno, se egli è Dio, allora lui soltanto può fare determinate affermazioni; se, invece, non fosse Dio, il cristianesimo sarebbe un falso, e dovremmo cercare Dio altrove.
È per questo che la figura di Gesù è esclusivista, cioè, esclude tutti gli altri che si definiscono (o si sono definiti) mandati da Dio, profeti ed altro, che non lo riconoscono, o che non si sottomettono a lui, a colui che il Padre ha mandato, affinché tutti gli uomini possano avere la vera e piena rivelazione del vero Dio (Giovanni 8:24; 14:6; Atti 4:12).
Così, se qualcuno vuole rimanere nella figura distorta di Gesù Cristo, non corrispondente con quella tramandataci dai suoi discepoli, non potrà avere i benefici apportati dalla Verità.
Pin It

Iesurun

Con il Blog Iesurun vogliamo analizzare eventi attuali e storici su Israele come realtà sociale e religiosa-profetica, approfonditi dal lato spirituale, secondo l'ottica della Parola di Dio.

Per i ragazzi

Il Sito, dedicato ai più piccoli, presenta un chiaro e semplice panorama della realtà della Bibbia e del Regno di Dio per i ragazzi che vogliono accostarsi alle cose di Dio, con l'aiuto di storie disegnate e immagini da colorare.

Il Blog

Nel Blog vengono inseriti articoli di attualità, commenti, riflessioni e contributi vari che riceviamo dagli iscritti, o semplici visitatori, che rientrano nei temi di etica cristiana e negli argomenti trattati nel sito.

Ultimi inseriti

Carlo Mirabelli

02 Settembre 2017
Carlo Mirabelli

Dalla 'Ndrangheta a Cristo. La testimonianza di Carlo Mirabelli ex boss della mafia calabrese, tratta da una registrazione audio data sotto la tenda "Cristo è la Risposta". Mi chiamo Carlo Mirabelli, da Petilia Policastro (Catanzaro). Da piccolo...