Si può affermare scientificamente che l’individuo ha inizio col concepimento?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L’inizio della vita umana pienamente individuale si colloca al momento della fecondazione.
Il dato inoppugnabile è messo in chiaro dalla genetica: al momento della fertilizzazione, i due Gameti dei genitori formano una nuova entità biologica, lo Zigote, che porta in sé un nuovo progetto-programma individualizzato.
Il fatto che si deve notare è che questo nuovo programma non è inerte, né è eseguito ad opera di organi fisiologici materni, ma è un nuovo progetto che si costruisce da solo ed è l’attore principale di sé.
Il tentativo di declassificare l’Embrione a Pre-embrione è una violazione della verità oggettiva.

Secondo il prof. A. Serra, il programma di fronte al quale ci troviamo nello stato iniziale dell’Embrione è caratterizzato da tre proprietà biologiche importanti:
1) La Coordinazione.
Lo sviluppo embrionale, dal momento della formazione dei due Gameti fino alla formazione della Blastociste, è un processo in cui si ha un coordinato succedersi ed interagire di attività cellulari e molecolari sotto il controllo del nuovo Genoma; è precisamente questa coordinazione che esige una rigorosa unità dell’essere in sviluppo.
2) La Continuità.
Alla fusione dei due Gameti umani incomincia un nuovo ciclo vitale di un nuovo essere umano.
Questo ciclo procede senza interruzioni: gli eventi singoli (come la moltiplicazione cellulare) non sono altro che l’espressione di una successione ininterrotta di avvenimenti. Questa continuità implica unicità.
3) La Gradualità.
E’ data dallo sviluppo di un progetto individuale unico che implica un succedersi di forme, passando da una struttura complessa ad una più semplice.
Questa caratteristica esige una regolazione intrinseca all’Embrione stesso il quale mantiene il suo sviluppo orientato in direzione della forma finale.

Le qualità appena mostrate mettono in evidenza l’individualità, l’identità, l’unicità dell’Embrione che rimane sempre lo stesso individuo lungo tutto il processo di sviluppo, che inizia al momento della fusione dei Gameti.
La difficoltà che potrebbe, a prima vista, avere qualche rilevanza biologica è quella che si basa sul fenomeno della gemellanza monozigotica.
Il punto da chiarire è questo: il fatto della eventuale divisione non smentisce quanto appena detto, anzi lo comprova.
La divisione, infatti prevede l’intervento di una causa interferente nel progetto, non avviene, cioè, in forza di un meccanismo evolutivo, ma contro di esso.

Inoltre il risultato è ancora conforme allo sviluppo descritto nel Genoma, e tale sviluppo (autocostruttivo e determinato) si ripete in ognuna delle porzioni divise.
La natura di queste porzioni di Zigote è ancora un progetto umano.
Un’altra difficoltà che viene riportata da alcuni si basa sul fatto che l’Embrione può essere interrotto nel suo sviluppo prima dell’impianto.
Ma questo fatto non nega che l’Embrione, se non fosse disturbato da cause esterne, continuerebbe a svilupparsi in maniera autonoma secondo il suo programma.
Le cause esterne possono anche interrompere lo sviluppo embrionale, ma da questo non si può dedurre che l’Embrione non sia capace di sviluppo autonomo.
In conclusione il neoconcepito ha una propria e ben determinata realtà biologica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.